IM 70.3 Chattanooga World Championship 2017: una gara da vivere con emozione e tranquillità!

Alessandro Visconti, Fisioterapista

Professionista convenzionato
Vedi scheda

Sabrina Coppola, Fisioterapista e Osteopata

Professionista convenzionato
Vedi scheda

Studio Civardi

Azienda partner
Vedi scheda

Il 9 ed 1l 10 settembre si svolgeranno le finali del mondiale di IM 70.3 a Chattanooga in Tennesse (USA).

La soddisfazione in veste di Coach MULTISPORT3ining è quella di avere due atelti in gara che si stanno preparando da circa 12 mesi seguendo le tabelle di allenamenti personalizzate da me predisposte con impegno, passione,  scruplo e puntualità.

Sono Roberta Contiero e Marco Arcagni ( entrambe della Società per la quale sono anche io tesserato in veste di atleta ma anche di tecnico, la RASCHIANI TRIATHLON PAVESE ), che andranno a Chattanooga in compagnia di RELEONE Stefano Bresolin, Raffaele Gerbi e Daniele Veronese, sempre del RASCHIANI TRIATHLON PAVESE.

Voglio condividere con tutte/i Voi, le emozioni di questi due atleti che alleno, a dimostrazione del fatto, che l’importanza di una gara può essere affronatata con una strategia adeguata dal punto di vista della metodologia dell’allenamento, ma anche nel rispetto degli impegni personali e professionali; la sintesi di queste due cose, permette di arrivare ad un appuntamento importante, con il giusto carico emozionale, ma anche con l’adeguata tranquillità agonistica, per gustarsi al massimo la gara con tutte le sue emozioni.

Vediamo un pò cosa ci dicono Roberta e Marco!

Roberta Contiero:   ” Come mi sento? Mi sento un pò come Forrest Gump!! E’ una battuta ovviamente! Vado ad affrontare questa emozionante esperienza con la consapevolezza di aver lavorato bene.   Ho svolto  con un certo scrupolo  “i compiti assegnati” dal Coach, e  seguendo le sue indicazioni ho cambiato modo di vedere gli allenamenti: ho trovato la sintesi tra il lavoro impegnativo ed i giusti tempi di recupero, così come in questo anno ho anche migliorato il mio atteggiamento emozionale nei confronti degli allenamenti! ipegno sempre, ma con il giusto approccio e senza esagerare.  Insomma sono inevitabilemente emozionata, ma al tempo stesso mi sento pronta e molto tranquilla!

La soluzione e’ stata quella di pianificare bene il carico  di allenamento sulla base dei miei impegni,  in base ai miei turni e alle ore libere della giornata, in modo che potessi rispettare la sequenza senza troppe difficolta’.
Sicuramente avere un obiettivo e’ fondamentale.  E’ stato un anno in cui ho iniziato ad usare con più attenzione il cardiofrequenzimetro, e ho capito che è veramente molto utile ed importante; Coach Andrea mi ha fatto vivere questa stagione con la massima tranquillità e serenità, ma al tempo stesso ha saputo farmi allenare bene senza farmi percepire tutto ciò come   stressante.
Quindi con questo oltre a ringraziare il mio coach, ( sono certo che sarà  orgoglioso di me comunque vada), ci tengo a ribadire che sono davvero  contenta, che spero di divertirmi, di stare bene, e di godermi ogni minuto e ogni goccia di sudore.”

Marco Arcagni: “Ho iniziato a farmi seguire da  Coach Andrea a Novembre 2016, prima preparavo i miei allenamenti e le gare da solo,  ma mi ero accorto che pur allenandomi molto non riuscivo più a migliorare e raggiungere i miei obbiettivi. Con Coach Andrea la mia preparazione e il mio approccio alle gare è cambiato in meglio: avere una persona competente che pianifica e ti aiuta ad approcciare al meglio i tuoi appuntamenti differenziando e adattando alle tue esigenze la preparazione nell’arco dell’anno è stato fondamentale. Il mio obiettivo era riuscire ad ottenere la Slot per il Mondiale Ironman 70.3 e come pianificato col Coach, a Pescara è arrivata questa magnifica soddisfazione.  Ora il 10 Settembre sarò in America per vivere questo sogno e ci arrivo con una serenità e consapevolezza diversa che mi ha fatto assaporare anche gli allenamenti nel caldo torrido di Agosto.”

Che dire….come Coach non posso che esprimere la massima soddisfazione ( e anche una discreta emozione nell’apprezzare quanta gratitudine sanno mostrarmi i miei atleti ) nel vedere che i miei atelti, stanno per avvicinarsi alla gara più imprtante che hanno affrontato fino ad oggi, con una tranquillità ed una serenità a dir poco esemplare. E’ la dimostrazione che l’approccio che personalmente utilizzo con le tabelle di allenamento, unitamente al rapporto personale che si instaura con i miei atleti, produce effetti veramente molto positivi.

Chiudo nel fare il mio in bocca al lupo a tutte/i le/i partecipanti a questo Mondiale, assieme all’invito a gustarsi al meglio tutte le emozioni che una gara come questa è in grado di regalare.

Buona gara, buon divertimento, sorriso SEMPRE!

Andrea Re