Deborah Pagini: Atleta del mese MULTISPORT3ining n° 70 – Ottobre 2023

Sabrina Coppola, Fisioterapista e Osteopata

Professionista convenzionato
Vedi scheda

Paolo Caselli, Psicologo e Mental Coach

Professionista convenzionato
Vedi scheda

DOTT. ANDREA MUSSI - BIKE FIT

Azienda partner
Vedi scheda

Nome: Deborah
Cognome: Pagini
Età: 54 anni

Segni particolari: Determinata, competitiva, con grande senso del dovere e forza di volontà.

Ama non
deludere le aspettative di chi le sta vicino.

MOTIVAZIONE – Deborah: descriverla come una persona determinata, è un eufemismo! Allenare Deborah è a dir poco spettacolare: idee chiare, capacità di focalizzare gli obiettivi condivisi, determinazione, attitudine alla concentrazione, propensione a dare “il meglio di sè” al momento giusto!

In veste di suo Coach, sono davvero “orgoglioso” per averla “accompagnata” al suo Best Time nella Maratona [ il precedente best risaliva ad otto anni fa], ed al suo esordio nel Triathlon [ Sprint e Olimpico ].

Vedere l’atteggiamento con il quale ha affrontato le transizioni – da “Triathelta navigata” – dice tanto del del suo modo di essere!

Grande Deborah…..questo è solo l’inizio!

Da quanti anni fai Triathlon?
Runner da sempre, triathleta da due mesi.


La Tua soddisfazione più grande che hai ottenuto in questi anni?


La mia più grande e recente soddisfazione sportiva è stata realizzare il mio
best time sulla maratona a 54 anni, quasi 8 anni dopo il precedente
personale, quando ormai mi dicevo “o smetto e appendo le scarpe al chiodo,
oppure ci provo con ancora più determinazione di prima”.
Ha prevalso la seconda scelta.


Descrivi quello che di positivo ti sta dando fare Triathlon nel modo
in cui lo stai facendo.


L’approccio al Triathlon è nato anch’esso dal desiderio di dare una svolta
alla mia attività sportiva, fino a pochi mesi fa unicamente di runner.
Raggiunto il traguardo del nuovo personale nella maratona a fine inverno, ho deciso di buttarmi in questa avventura complice l’estate e le giornate lunghe, più adatte di quelle invernali a conciliare i diversi impegni professionali e familiari.
Il Triathlon è senza dubbio impegnativo ma come tutte le cose…..più sono “sudate” e più danno soddisfazione.

Quindi potermi definire triathleta da un paio di mesi è sicuramente motivo di orgoglio per me e spunto per nuove sfide, dato che le prime gare hanno già messo in evidenza gli aspetti critici su cui devo lavorare.


Cosa hai trovato in Coach Andrea e nell’approccio MULTISPORT3ining?


Il Coach Andrea è innanzitutto una persona molto empatica che è riuscito a
fare sue le mie sfide ed i miei obbiettivi, seguendomi con costanza.


La scelta dell’approccio MultiSport3ining è sicuramente maturata
sulla base della mia personale esigenza di impostare un’attività più
performante ma cucita addosso alla mia vita personale, lavorativa e
familiare, ma poi ho scoperto altri aspetti non meno importanti.


Mi è capitato di guardare il classico post degli “atleti in gara” che il
Coach pubblica prima del weekend, scoprire che molti sono atleti di livello impegnati in campionati o gare top e poco dopo…..ricevere un suo messaggio in cui mi chiede come mi sento e se ho bisogno di supporto e consigli pregara.

Questo dà sicuramente senso ai sacrifici ed alle fatiche che si
inanellano uno dopo l’altro ad ogni allenamento; ci si
sente importanti anche nei nostri piccoli obbiettivi e supportati.


E dopo la gara non manca mai il confronto per analizzare insieme
cosa è andato bene e su cosa invece lavorare di più.