Primi 500 km con PASSONI bike

Paolo Caselli, Psicologo e Mental Coach

Professionista convenzionato
Vedi scheda

Andrea Civardi, Fisioterapista e Osteopata

Professionista convenzionato
Vedi scheda

Hotel Valtellina Cola Hotels Livigno

Azienda partner
Vedi scheda

L’allenamento appena terminato dice bene: 75km in pianura no draft a 36,5 di media oraria, seguiti da 5 km d i corsa a 4’35” al km: soddisfatto!

Ma prima di analizzare l’allenamento, che ovviamente va valutato in quanto inserito in un piano di carico, qualche considerazione sulla percorrenza con la nuova bici, messami a disposizione dalla ditta PASSONI.

Martedì 5 agosto, ho fatto la prima uscita, e il primo impatto è stato immediatamente molto positivo; il fatto è che mancavano veramente pochissimi giorni all’Europeo di 70.3 di Wiesbaden e complessivamente prima della gara sono riuscito a “mettere assieme” 170 km. Con l’allenamento di oggi ho passato i 500, e conto di farne altrettanti (forse qual cosina di più) entro fine mese. Questo mi permetterà di arrivare alla partenza della gara in Canada con circa 1.300 km, con il nuovo mezzo, e gli esperti Danilo Colombo Maurizio Biondo e Diego Caccia ( che mi hanno seguito con grandissima professionalità e passione nella fase di cambiamento bici) sostengono appunto che un migliaio di km servono per adattarsi ad una nuova posizione.

Ma oltre ad avere un telaio di altissimo livello, ho montato la guarnitura Rotor, per intenderci con moltipliche ovali, che eliminano il punto morto della pedalata; qualche fastidio muscolare ai bicipiti femorali, lo sto avvertendo, ma grazie alle sapienti cure di Andrea Civardi (Osteopata) e Salvatore Germano (Massofisioterapista), stiamo gestendo al meglio questa situazione. Sento che ad ogni uscita le sensazioni migliorano ed il feeling con il mezzo è sempre maggiore.

Per quanto riguarda la parte più strettamente legata al “carico di allenamento” contavo di lavorare veramente “pesante” fino a domenica 24; a quel punto mancheranno due settimane esatte alla gara e deciderò se procedere con uno scarico graduale o se provare a fare ancora un paio di allenamenti pesanti ma di qualità attorno a metà della settimana prossima. Ma per questo vi terrò aggiornati con i prossimi contributi.